sono solo pensieri in ordine sparso

Follow this blog with bloglovin

Follow on Bloglovin

30 ottobre 2012

3.2 Un pane dolce di spezie e LEI



da ascoltare

per gli occhi:








Sono arrivata a casa dopo il lavoro, qualche giorno fa e LEI era là, che girava intorno al tavolo. Sopra c'erano le farine integrali,  un cucchiaio sporco di cacao in polvere, forchette e coltelli, barattolini di spezie, pepe, noci, datteri, il frullatore sporco e LEI. 
LEI con un grembiule bianco più grande di lei, annodato sui fianchi insieme alle mani. 
LEI che mi guarda con occhi appena finiti di piangere e i riccioli mogano di henne mossi e scomposti intorno al visino.
LEI che mi parla, con vocina sommessa e rotta 
mamma...
e il mio cuore si scioglie. Si scioglie sempre quando i miei figli mi chiamano mamma. 
Che cosa era successo, chiedo. Niente, risponde, giornata storta. 
Faccio i conti, 28 giorni, la luna nuova? No, cose da donne anche se bambine, sbalzi di ormone pazzerello, tristezza d' autunno, pensieri che cadono come le castagne dai ricci.
L'abbraccio tutta e me la coccolo un po', in fin dei conti ha solo 15 anni e 9 mesi la mia bambina.
Finiamo insieme di fare questo pane dolce, a quattro mani. Preparo il tè alla vaniglia per fare il dolce e ne preparo una tazza anche per noi. Ce lo sorseggiamo con gli occhi sorridenti perché siamo sedute accanto e ci sfioriamo con i pensieri.
 Ti voglio bene, le dico e LEI: anch'io mamma...
e il mio cuore si scioglie di nuovo come neve al sole, lasciando una scia di zucchero nel mio pensiero.

Finiamo di sorseggiare il te alla vaniglia, senza zucchero per me e con il fruttosio per lei, e cominciamo con il dolce. La ricetta è una che sta fra il pane dolce e il plumcake, fra il cielo e la terra insomma. 
Prendiamo 200 gr. di farina integrale e 150 gr. di farina tipo 0, li mettiamo in una capiente ciotola. Aggiungiamo 2 tuorli d'uovo, 60 gr. di cacao amaro in polvere, una tazza di tè alla vaniglia, 1 cucchiano di cannella. Cominciamo a unire gli ingredienti con le fruste elettriche, si fa meno fatica così. LEI mi guarda e apre il frigo: se ne torna con una vaschetta di labne (il Philadelphia) e ce ne aggiunge un paio di cucchiai abbondanti. Non protesto, non protesto perchè proprio non è cosa oggi protestare, si potrebbe fomentare la 3 guerra mondiale. Poi mi guarda ancora, io con le fruste che impasto e LEI  ferma con il ditino sulle labbra che pensa e ripensa. Prende una noce di burro, ma poco, e lo getta con rabbia nella ciotola. E io ancora zitta zitta che frullo e impasto silenziosa. LEI prende il pepe nero in grani e da una bella grattugiata dentro la ciotola. Si affaccia alla credenza e si accoccola cercando. Sbuffa, annusa, pensa e se ne torna con la bustina dell'uvetta sultanina e i datteri che erano sul tavolo. Ne prende una generosa manciata sia dell'una che degli altri e li trita finemente con la mezzaluna. Li adagia nel composto. Io intanto, sempre zitta zitta, ho cominciato a montare a neve i 2 albumi con un pizzico di sale. Quando sono compatti e solidi mi fermo e aspetto LEI. 
LEI che intanto ha preso 4 semini di cardamomo e li ha buttati dentro insieme ai gherigli di una decina di noci. Non uso più le fruste, ma con delicatezza e un mestolo di legno unisco tutti gli ingredienti  e aggiungo una bustina  cremor tartato. Per ultimi gli albumi, cercando di non smontarli, con amore e dolcezza.
 LEI ha preparato il contenitore per il pane dolce, uno stampo di silicone rosso fuoco per i plumcake, lo ha unto con un pennello e l'olio extra vergine di oliva  e ha  acceso il forno a 180°. Insieme mettiamo il composto, tirandolo giù tutto con un leccapentole, nello stampo.  Lo stampo lo mettiamo  sulla placca del forno e sul fondo, del forno, aggiungiamo una ciotola di acqua. 




LEI lo lascia cuocere per una ventina di minuti. Gonfia come una mongolfiera ed esce glorioso dallo stampo. LEI lo "assaggia" con lo stecchino di legno e decreta ancora 5 minuti di forno
Arriva un messaggio sul cellulare, LEI lo ignora..... ma non ignora il  dolce, che appena uscito dal forno lascia libero tutto il suo profumo di pane e di dolce. 
Ci sediamo in salotto, sul divano avvolte insieme in una copertina di pail,  davanti al televisore con la nostra fetta di pane fumante e guardiamo un vecchissimo episodio della  "Signora in Giallo",   Jessica Fletcher ci guarda dal video e  ci sorride felice. Siamo felici anche noi, in questa giornata d'autunno, con il nostro pane dolce alle spezie, che pizzica ed è dolcissimo di uve e datteri , avvolte nel tepore di una coperta di affetto e di comprensione, con il nostro bisogno di amore, con la nostra dolce tristezza, ....
 






ingredienti:
200 gr. farina integrale e 150 gr. farina tipo 0
2 uova intere
60 gr. di cacao amaro in polvere
una tazza di tè alla vaniglia
una noce di burro
una manciata di uvetta sultanina
una manciata di datteri bio  (NOBERASCO)
10 noci (NOBERASCO)
1 cucchiaio di cannella in polvere 
4 semi di cardamomo
1 abbondante grattugiata di pepe nero 
1 bustina di cremor tartaro
olio evo e un pizzico di sale




 con questo pane dolce alle spezie fatto a 4 mani partecipiamo al contest di  Monica, Emporio 21







e anche al contest  di  arricciaspiccia   

in collaborazione con  NOBERASCO


 

39 commenti:

  1. bellissimo questo momento tenero tra mamma e figlia :))! grazie per averlo condiviso con noi :))!

    RispondiElimina
  2. Molto carino il tuo post e complimenti per questa bellissima ricetta

    RispondiElimina
  3. Che bel post...mi hai fatto commuovere! Dolcissimo! Questo pane è amore puro...mi piace tantissimo! Lo prendo proprio volentieri per il contest...lo metto subito in lista! Un abbraccio forte a te e a LEI! Sei una mamma meravigliosa...le sei stata vivina senza invadere i suoi pensieri...un vero tesoro!
    Ema

    RispondiElimina
    Risposte
    1. a volte sono anche un po' ingrombrante però, ho un caratterone! baci

      Elimina
  4. ..no.. io proprio non ci riesco a non far domande..ma tu, sei grande!!!
    Un bacione alla tua piccola donna.
    Sandra

    RispondiElimina
    Risposte
    1. grazie Sandra, riferirò alla piccola donna adolescente!

      Elimina
  5. scusa se sono stata minimalista, ma tutto ciò ce pensavo non riuscivo a esprimerlo meglio di così, insomma non era una cosa scritta solo per scrivere qualcosa. Insomma ci siamo capite, visto il papiro che sto scrivendo ora!!!
    alice

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si Alice, ci siamo capite: di la verità, ti ho lasciato senza parole!
      Grazie tesoro di aver letto!!!!

      Elimina
  6. fra tanti anni, magari il pane alle spezie sarà dimenticato, ma il vostro sfiorarvi coi pensieri sarà ancora lì nei giorni piovosi a scaldare meglio di un raggio di sole

    RispondiElimina
    Risposte
    1. spero proprio di si Amanda, io e la furios litighiamo spesso ma poi, inevitabilemente ci cerchiamo e ce lo diciamo: guarda che io ti voglio bene lo stesso..... chissà che donna sarà LEI..... bellissima dentro di sicuro
      Ciao Amanda cara!!!

      Elimina
  7. E' il pane più dolce, tenero e colmo d'amore che abbia mai trovato e letto in un blog... Per questo è speciale più degli altri e di tutti quelli che ci saranno!
    Una cucciola in crescita, la tua bimba, che quando ha bisogno di conforto... Sa che c'e una mamma pronta a farle tornare il sorriso e la pace nel cuore!!! ^^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cami, a volte sono un cerbero, e lo dico davvero, riesco a essere una rompi quando ho la giornata storta!!!! Ma loro lo sanno che darei gli occhi per loro, e anche qualcosa in più degli occhi....
      ciao dolcezza dorata!

      Elimina
  8. Risposte
    1. solo questi due Valentina, uno prettamente di cucina e ricette e questo piccoletto dove mi diletto a scrivere le mie..... bischerate!
      Ciao cara!

      Elimina
  9. Con colpevole ritardo la inserisco e ti ringrazio.cercavo proprio questo per il mio contest.Non la ricetta lanciata al volo,ma un pò di voi,dei vostri pensieri.Grazie mille Sandra e perdonami ancora.
    Monica

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E mi toccherà perdonarti!!! Ciao tesoro!

      Elimina
  10. Piacere di conoscerti! Davvero complimenti per questa ricetta, ma soprattutto per il toccante racconto. Rivedo molto del mio rapporto con mia mamma nelle tue parole. E anche se sono un poco più grandicella di LEI, le cose non sono così diverse in casa. Un abbraccio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Piacere mio Elle, grazie per i complimenti e sono contenta che ti sia sentita .....a casa....
      baci!

      Elimina
  11. Complimenti per la vittoria del contest!!!
    Meritatissima...
    Commovente questo post...mi sembrava di essere lì con voi!

    Un abbraccio
    Monica

    (fotocibiamo)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Monica, forse c'eri davvero qui con noi mentre leggevi, con il cuore di sicuro!
      baci

      Elimina
  12. Davvero bello e commovente il tuo racconto e questo pane è meraviglioso, con i sapori caldi e accoglienti che sanno di ricordi....ho la pelle d'oca Sandra! Brava e coplimenti per la vittoria, meritatissima.
    Un bacio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Valeria, le tue parole mi aprono il cuore.... grazie!
      Saluti e baci

      Elimina
  13. Ciao! Il tuo post é meraviglioso, mi ha fatto pensare a mia madre che non c é piú e che quando c era si comportava proprio come te....Grazie!
    Ps. Il Vostro pane deve essere buonissimo,lo so!

    RispondiElimina
  14. Francesca, mi permetto di dirtelo io al posto suo:
    ti voglio bene
    perchè questo lei ti avrebbe detto.
    Il pane era buono... buonissimo!

    RispondiElimina
  15. Va bene uguale se mentre ti assaggiamo (sotto tutti i punti di vista...) ascoltiamo Elisa e Ligabue con Gli ostacoli del cuore? :-))
    Grazie Francesca per questo piccolo prezioso regalo!

    RispondiElimina
  16. Naturalmente anche la tua foto/ricetta è nell'album creato sulla nostra pagina di Facebook (https://www.facebook.com/Noberasco).
    E stiamo pensando anche a una piccola sorpresa extra per la ricetta che riceve più “Mi Piace” :-)

    RispondiElimina
  17. meraviglia questo pane. e con i datteri anche tu! e se al posto del cremor tartaro uso il bicarbonato?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. non so, non saprei, io ora ho il licoli e non mi pongo più il problema dei lieviti...niente più saporacci retroattivi!!! ciao topina topetta!!!

      Elimina
  18. Favoloso leggerti e leggerti per la prima volta attraverso queste emozioni e sensazioni percettibili! Ripasserò a leggerti tra le nuvole a bassa quota!
    Laura

    RispondiElimina
    Risposte
    1. grazie Lallina, ti aspetto sempre!

      Elimina

Se vorrete mandarmi un messaggio ne sarò felice